GQ ITALIA
TRATTARSI DA MAHARAJA
Soggiornando nel Rajasthan, in palazzi principeschi fianco a fianco con il padrone di casa. Come a Jodhpur, nella residenza privata più grande al mondo, o al Lake Palace di Udaipur, sfarzosa reggia in mezzo a un lago.
March 2003
Di Stefania Cubello

Voglio una vacanza da maharaja, l'hai detto tante volte, spinto dal desiderio d'evasione. Allora sogna, ma alla grande: una vacanza in quel Rajasthan che in India è la più alta espressione del lusso. Un lusso oltre ogni fantasia, che magari offre l'opportunità di stare, come a Samode e Udaipur, in palazzi principeschi; a volte il padrone di casa ‑ cioè ii maharaja- vive nella porta accanto.

JAIPUR, LA CAPITALE

Fondata nel 1727 dal maharaja guerriero e astronomo, Jai Singh, affascina per il colore rosa dei palazzi; specie quelli in arenaria della zona più antica. Dopo una visita all'Hawa Mahal o Palazzo dei venti, gioiello di architettura rajput, al City palace nella città vecchia e al forte Man Singh di Amber, ecco un'oasi di sfarzo: ii Rambagh palace (Bhavani Singh Road, tel. 00911‑141‑38.19.19). L'ex residenza estiva del maha­raja di Jaipur (oggi vive in un ala del City Palace) è fra gli hotel più esclusivi del mondo: ampie terrazze, corridoi di marmi, specchi, affreschi, stucchi e pietre preziose. Una vera dimora imperiale, dove non a caso sono passati lord Mountbatten, Carlo d'Inghilterra e Omar Sharif. Da provare la "Maharaja suite" (circa $800 a notte), ex appartamento privato del sovrano. Per un aperitivo o un drink molto cool: al Polo Bar, il più trendy della città, all'interno del Rambagh Palace. Per la cena, invece, Niro's (Mirza Ismail Road., tel. 0091‑992-37.44.93), il più elegante (e costoso) ristorante di Jaipur. E shopping stellare al Gem Palace (gioielli amati anche da Marella Agnelli) e Charmica (Mirza Ismail Road) per le migliori jooti, tipiche calzature rajasthane.

UN MIRAGGIO: SAMODE

Circa 40 km a nord, a Samode, sorge uno tra i più bei palazzi del Rajasthan, perfetto esempio di architettura Rajput‑Moghul. Esclusivo e romantico, ideale per ozio sfrenato e pampering di lusso, il Samode Palace era la residenza degli aristocratici Rawal (duchi) del luogo; oggi è una sontuosa dimora di tre piani frequentata da vip e dignitari. Nelle royal suite ($365 a notte) hanno dormito anche Jacqueline Kennedy Onassis, Jeremy Irons e Mick Jagger. Una magia indiana con architettura e fascino originali: affreschi e mosaici, colonne e pavimenti di marmo, tappeti e tessuti preziosi dai colori intensi, atmosfera evocativa, servitù in livrea. Basta stare in una delle 40 camere o sostare nella sala "Diwan‑i‑Khas" per sentirsi un vero maharaja. L'attività più praticata? Languire lungo i bordi della piscina in marmo e mosaico, da cui si gode un panorama mozzafiato dei monti Aravali. O, meglio ancora, farsi accarezzare corpo, mente e spirito nella principesca Spa, il Kerala Ayurvedic Centre: magnifico il body massage a base di oli essenziali. Volete esagerare? Affittate tutto il palazzo (per 3 giorni al massimo).



225K-368-004
Limousine d’epocha a Samode

L’AZZURRA JODHPUR

Spassarsela da sovrano e sentirsi in un racconto di Kipling? A 350 km da Jaipur c'è Jodhpur, porta del deserto del Thar e "Città azzurra", il colore dei bramini del Rajasthan. La fitta rete di vicoli esalta i colori caldi e vivaci del luogo, a partire dalle case turchesi della parte vecchia. Fondata nel 1459 da Rao Jodh, capo dei Rathore (discendenti diretti di Rama), Jodhpur entra nel cuore, complici il deserto e il lusso: come quello dell'Umaid Bhawan Palace (tel. 0091‑291‑43.33.16), vero trionfo di eleganza esclusiva. Si estende per 12 ettari, è la residenza privata più grande al mondo; in un'ala del palazzo rosa vive l'ultimo discendente di Jodh. La Maharaja Suite ($800 a notte), tutta stucchi e affreschi Ramayana, arredi regali e architetture rajput, è indimenticabile. Da vedere: il Meherangarh, l'imponente forte che domina la città, al tramonto, quando la vista si fonde con il deserto. Tappa obbligata ad Agra, ideate per il makhania lassi, tipica bevanda cremosa allo zafferano e i mawa kachori, dolci di pasta sfoglia al miele e nocciole. Cena al raffinatissimo Risala, il ristorante dell'Umaid Bhawan Palace.

LA VENEZIA D'ORIENTE

Dopo la città rosa e quella azzurra, ne esiste una tutta d'oro, che luccica al sole del deserto. Jaisalmer è un'oasi costruita nella pietra che si staglia misteriosa contro le roventi sabbie del Thar. Ogni cosa, dai templi alle dimore ‑ le haveli in arenaria gialla e legno intagliato- al Forte, evoca splendori di
epoche passate. Al Fort Rajwada (1, H. Complex, Jodhpur‑Barmer Link Rd., Jaisalmer), la Royal Suite ( $500 circa) è davvero degna di un maharaja.

Udaipur, città di laghi, palazzi e giardini, è detta la Venezia d'Oriente. E tra le più romantiche e spettacolari del Rajasthan, un buon luogo dove finire una vacanza regale. Tra le mete preferite da vip e reali di tutto il mondo, sorge intorno al Lago Pichola: i palazzi‑isola, come il City Palace, sono i più grandi ed esclusivi (pare che il Jagmandir abbia ispirato il Taj Mahal).

Per un soggiorno in grande stile, il Lake Palace Hotel (tel. 0091‑294‑52.88.00) è tra gli alberghi più belli al mondo (la royal suite costa $600 al giorno): l'ex residenza del maharaja sorge in mezzo al lago, impossibile non notarla... e non farsi notare.

END