IL FOTOGRAFO
RITRATTI AMERICANI
December 2003
By TINA PORCELLI
Photographs by MARY ELLEN MARK

TESTI DI MARY ELLEN MARK, TRATTI DALLA POSTFAZIONE DEL LIBRO AMERICAN ODISSEY

Mary Ellen Mark nasce a Philadelphia. E il cinema a darle i primi incari chi come fotografa di scena. Dalla collaborazione con      Milo Forman sul set di Qualcuno volò sul nido del cuculo, nasce nel 1979 Ward 81, un reportage dalla sezione femminile di un
manicomio americano. Da allora Mary Ellen Mark ha approfondito i temi più diversi, con una particolare attenzione alle frange più deboli della società e agli emarginati. Dal 2000 il suo progetto libro-mostra itinerante American Odissey sta girando il mondo.


210K-116-010
"Ho sempre cercato con le mie immagini di dare una voce alle persone che avevano meno opportunità di parlare per sé."
The Damm Family in Their Car, Los Angeles, California.


226U-001-055
"L'intimita' e' molto importante nelle fotografie. Essere donna e' spesso un vantaggio nel permettermi di acquisire questa intimita' poiche' le persone, soprattutto gli estranei, si sentono meno minacciati da una donna"
Etta James and Strappy, Riverside, California, 1997


201B-021-009
"Il mio lavoro in America è un viaggio da una parte all'altra del Paese, e mi ha permesso di entrare nelle vite di innumerevoli persone. Ho fotografato ai concorsi di bellezza per bambini e nei locali per single, alle convention per gemelli e ai raduni del Ku Klux Klan. Ho incontrato persone meravigliose e persone terrificanti."
Aryan Nations, Hayden Lake, Idaho, 1986.


229N-193-001
"Da quando ho iniziato a fotografare, molti dei miei soggetti sono state persone al margine o al di fuori della tradizione della nostro cultura. Alcuni di loro erano stati spinti al margine do circostanze penose e, tra loro, alcuni hanno cercato di sopravvivere nonostante indicibili e ingiusti ostacoli posti nel mezzo delle loro vite." Sue Gallo Baugher and Faye Gallo, Twinsburg, Ohio, 1998.


229F-003-011 "Così come la poesia è bella ed emoziona nella sua astrazione, anche le fotografie devono essere un po' astratte. In definitiva, desidero che le mie fotografie suscitino un sentimento nelle persone." Pamela Anderson, Los Angeles, California, 1998.

END